Archivi categoria: preparazione

Olio Aromatizzato al Limone

Olio Aromatizzato al Limone

Olio Aromatizzato al Limone. Ci siamo, per quelli come me che abitano in campagna, è giunta l’ora di acquistare l’olio nuovo. Quando parliamo di olio, senza alcun dubbio scegliamo olio extra vergine di oliva. Tutti voi sapete quanto sia importante l’olio nell’impasto della pizza, per non commettere errori, ho fatto visita al frantoio locale che mi rifornisce ogni anno: Oleificio Fiobo.

Avete mai assaggiato una bruschetta con l’olio appena spremuto? Assolutamente fantastica, da provare.

Olio Aromatizzato al Limone
Olio Aromatizzato al Limone

Olio Aromatizzato al Limone

Abbiamo parlato spesso nei nostri post di quanto importante sia l’acidità e uno dei modi migliori per aggiungerla ai nostri piatti è il sempre valido succo di limone. Non sempre ci capita di avere a casa nostra dei limoni a portata di mano, quindi spesso si fa uso dell’olio aromatizzato al limone.

L’olio aromatizzato al limone, si usa spesso in cucina e in pizzeria. E’ assolutamente squisito usato come condimento su carni e pesce, ed è eccezionale se aggiunto ad una focaccia appena sfornata oppure su di una semplice bruschetta.

Olio Aromatizzato al Limone

Preparazione

Acquistiamo dei buoni limoni, vi suggerisco quelli che hanno la scorza irregolare, a differenza degli altri con la scorza liscia,che sono da succo e si prestano meno per la nostra ricetta.

Scegliete un olio extra vergine di oliva leggero, quello di colore leggermente più chiaro, che non andrà a coprire il delicato gusto del limone.

Tagliare la buccia. Per questa particolare preparazione, non impiegheremo il succo di limone, ma la buccia, taglieremo solo la scorza gialla del limone separandola con attenzione dalla parte bianca. Allo stesso modo con cui viene preparato il liquore limoncello.

Olio Aromatizzato al Limone
Olio Aromatizzato al Limone

Preparate un contenitore con un coperchio ermetico,lavatelo ed asciugatelo bene.

Versateci le scorze di limone e ricoprite il tutto con olio extra vergine di oliva.

Il nostro olio aromatizzato al limone sarà pronto dopo 3 giorni di riposo.

Travasate l’olio e buttate le bucce di limone.

Il nostro olio è pronto da usare praticamente dappertutto in cucina, persino su molti piatti caldi.

In pizzeria durante lo svolgimento dei corsi di pizzaiolo, usiamo l’olio aromatizzato al limone per condire pizze con la rucola, su focacce appena sfornate e su pizze vegetariane.

Olio Aromatizzato al Limone
Olio Aromatizzato al Limone

Ti piacerebbe diventare un esperto pizzaiolo e preparare anche a casa tua una pizza buona come quella della pizzeria sotto casa tua? Da oggi puoi e senza problemi! Iscriviti al nostro corso professionale di pizzaiolo ONLINE. Puoi imparare da casa tua quando avrai tempo disponibile, basta effettuare il login e avrai accesso immediato al nostro corso. Scopri di più!

Sei in cerca di una pizza da preparare per i tuoi ospiti questa sera? Scegli tra le più di 200 ricette di pizza disponibili qui sul mio sito.

Pizza Con Fagioli

Pizza Con Fagioli

Pizza Con Fagioli. Forse sarebbe stato meglio chiamare questa pizza “Pizza Di Fagioli” visto che il suo impasto è preparato con dei fagioli cannellini passati nel mixer.

I fagioli cannellini, aggiunti all’impasto, rendono questa pizza morbida e fragrante, proprio come l’impasto per pizza con le patate.

Iniziamo questa ricetta elencando gli ingredienti per la preparazione di questa deliziosa pizza:

Passiamo al mixer 250 grammi di fagioli cannellini nella loro acqua di cottura.

Aggiungiamo 4 grammi di lievito di birra.

Aggungiamo poco zucchero

un pizzico di sale fino

una tazzina di olio extra vergine di oliva

Pizza Con Fagioli

Mescolate gli ingredienti aggiungendo la farina lentmente, fino ad ottenere un impasto morbido ed elastico.

Dividetelo in palline da 250/270 grammi

mettetelo in un contenitore con coperchio a riposo per la lievitazione in un angolo caldo della vostra casa.

E’ un impasto altamente proteico, quindi lasciatelo lievitare a lungo.

Quando sarà raddoppiato del suo volume, prendete una pallina e stendetela su una teglia tonda dal diametro di 30 centimetri.

Attendete altri 30 minuti lasciandola lievitare

Praticate dei fori sulla superfice con le vostre dita

Condite il disco di pasta con olio sale e rosmarino.

Infornate il tutto nel vostro forno precedentemente riscaldato alla temperatura di 300 gradi, per 4 minuti, fino a che la superfice della vostra focaccia sarà perfettamente dorata.

Questa focaccia, oltre ad essere squisita, ha la particolarità di rimanere morbida e fragrante per qualche giorno.

Di seguito, è disponibile il video della realizzazione dell’impasto, le foto del momento del condimento della focaccia con fagioli, e, il brillante risultato finale, ottenuto durante lo svolgimento di uno dei nostri corsi professionali di pizzaiolo presso la nostra scuola della pizza Italiana. Per maggiori informazioni sui nostri corsi pratici di pizzaiolo, clicca qui.

Pizza Con Fagioli

Il video dell’impasto per pizza con fagioli

Il video della stesura della pizza su teglia.

Pizza Con Fagioli
Aggiungere olio sale e rosmarino
Pizza Con Fagioli
Ecco la deliziosa pizza con fagioli

Ti è piaciuta la nostra ricetta della pizza con fagioli, oppure se preferisci chiamarla “pizza di Fagioli”?

Aiuta il nostro blog a crescere. Condividi questo post su Facebook, poi clicca G+.

Grazie

Focaccia con Farina di Canapa

Focaccia con Farina di Canapa

Focaccia con Farina di Canapa. Dopo avere preparato l’impasto per pizza con farina di canapa, oggi vedremo come preparare una ottima focaccia con questo impasto speciale.

È una cosa molto semplice da preparare, e richiede poco più di un minuto di preparazione e circa 3 minuti di cottura in un forno professionale a 300 gradi.

Il segreto per ottenere questa squisita focaccia, inizia già nella preparazione di un buon impasto. In questo precedente post, è ampiamente descritto in video e foto come va preparato l’impasto con una miscela di farina di grano tipo 0, e un 10% di farina di canapa. L’impasto ha una lunga lievitazione a 3 gradi, circa 48 ore.

Focaccia con Farina di Canapa
Focaccia con Farina di Canapa

Focaccia con Farina di Canapa

Stendete la vostra focaccia, aggiungete olio extra vergine di oliva, sale, rosmarino e infornate a 300 gradi per 3 minuti.

Sfornate appena il bordo sarà perfettamente dorato e servite ancora calda ai vostri ospiti.

La focaccia speciale, preparata con un impasto di farina di semi di canapa, è un ottimo aperitivo. Servitela ancora calda ai vostri ospiti, abbinata ad un bianco secco giovane, una “Passerina”

Se non sei un esperto nel preparare la pizza a casa tua o nella tua attivita ti sarà sicuramente utile il nostro corso di pizzaiolo professionale online. Puoi accedere alle lezioni quando vuoi. Tantissimi video “know how”, tantissimi segreti per ottenere una pizza perfetta. Clicca qui per saperne di più.

Sei uno Chef e vorresti ampliare le tue conoscenze sulla pizza? Frequenta uno dei nostri corsi professionali pratici presso la nostra scuola della pizza Italiana. Per maggiori informazioni, clicca quì.

Focaccia con Farina di Canapa
Focaccia con Farina di Canapa

Focaccia con Farina di Canapa

Potrebbe esserti utile la lettura dell’articolo che abbiamo dedicato all’olio vergine di semi di canapa. Lo trovi cliccando questo link.

Se desideri maggiori informazioni sulla canapa, puoi consultare wikipedia cliccando quì.

Se ti è piaciuta la nostra ricetta della focaccia con farina di canapa, condividi questo post su facebook, e su G+, oppure lascia il tuo commento su questa pagina.

Sale Aromatizzato All'Origano

Sale Aromatizzato All’Origano

Sale Aromatizzato All’Origano. Questa pianta è conosciuta in tutto il mondo per le sue proprietà aromatiche. E’ una pianta erbacea perenne che cresce spontanea fino a 2000 metri di altitudine. Il suo nome scientifico è Origanum e appartiene alla famiglia delle Lamiaceae.

Sale Aromatizzato All'Origano
Un mazzett di origano

L’origano non è semplicemente una erba aromatica, ma una vera e propria pianta medicinale da usare per rimanere in salute e prevenire molte malattie.

Contiene Fenoli, sali minerali, vitamine, ferro calcio potassio e manganese.

Può essere facilmente coltivato in vaso. La pianta può raggiungere anche gli 80 centimetri di altezza, possiede foglie di forma ovale appena dentellate, i suoi bellissimi fiori sono raggruppati in pannochhie che hanno un gradevole colore che vanno dal bianco al rosa. I suoi frutti invece, si presentano come una capsula di colore scuro.

Sale Aromatizzato All'Origano
Origano essiccato

Di questa indispensabile pianta, in pizzeria, si utilizzano le foglie e le sommità che vengono raccolte durante l’estate durante la fioritura, si preparano dei mazzetti che vengono appesi a testa in giù ad essiccare.

Sale Aromatizzato All’Origano

In pizzeria l’origano è molto usato per condire il pomodoro per la pizza, sulla pizza caprese, oppure per insaporire delle focacce come la pizza Pugliese.

Moltissimi pizzaioli preparano il sale all’origano per insaporire le proprie pizze.

Come prepararlo:

Dopo avere raccolto l’origano fresco, preparatelo in mazzetti e metteteli a testa in giù ad essiccare per 2 o 3 settimane.

Quando sarà secco, mettete i mazzetti in un mortaio insieme al sale grosso e pestate per qualche minuto.

La stessa operazione può essere fatta con un mixer.

Sale Aromatizzato All'Origano
Sale all’origano

Riponete il sale all’origano in vasetti di vetro con il tappo a chiusura ermetica affinchè l’aroma non si disperda con il trascorrere del tempo, avranno una scadenza lunghissima.

Sale Aromatizzato All’Origano

Usatelo non solo sulla pizza, sul pomodoro per pizza e sulle focacce, ma sulla vostra salsa di pomodoro per la pasta, nel ragù, per condire gli hamburger e per condire i vostri piatti preferiti.

Sale Aromatizzato All'Origano Valutazione complessiva: ★★★★★ 4.9 basato su 14 recensioni
5 1
Tasso & recensione

Gli Amici, il Patrimonio più grande che io possieda. Trovato questo articolo interessante? Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o semplicemente premi “G +” per suggerire questo risultato nelle ricerche in Google. Diffondere contenuti che trovi rilevanti aiuta questo blog a crescere. Grazie!

Pizza Con Farina di Buratto

Pizza Con Farina di Buratto

Pizza Con Farina di Buratto. Non basta essere degli ottimi “pizzaioli” per avere successo in “Internet”. Così ha esordito il mio insegnante al corso “SEO” (search engine optimization) che sto frequentando, poi, ha aggiunto: prova a pubblicare un articolo con la foto di una pizza accanto ad un bel fondoschiena di una ragazza, niente di volgare, noterai immediatamente che il tuo post verrà letto e cliccato dal doppio delle persone che solitamente leggono i tuoi articoli!!

(Aggiornamento) Ottimo insegnante, sa il fatto suo! In pochissimo tempo questo articolo è stato letto da moltissime persone!.

Si, ma cosa ha a che fare il fondoschiena di una ragazza con la farina di buratto? Assolutamente niente, ma le immagini influenzano molto quello che leggono e cliccano i navigatori. Una foto di un setaccio per farina avrebbe suscitato l’interesse di pochi.

Bene, è proprio questo l’argomento di cui volevo parlarvi, il buratto altro non è che il setaccio della farina.

Pizza Con Farina di Buratto
Un setaccio della farina vecchio modello

Pizza Con Farina di Buratto

La definizione buratto è accostata ad una macchina che setaccia la farina per dividerla in diverse dimensioni. Da quì deriva il termine “livello di abburattamento” cioè il grado di raffinatezza della farina.

Più la farina è setacciata, più essa risulterà essere raffinata, di colore bianco e quasi impalpabile al tatto, sarà ricchissima di amido e poverissima di sali minerali (ceneri).

La percentuale di abburattamento va intesa esattamente in maniera opposta:

  • Una percentuale più alta di abburattamento equivale ad una minore raffinatezza della farina.
  • Una percentuale più bassa di abburattamento equivale ad una maggiore raffinatezza della farina.

Per aiutarvi a capire meglio,ho pubblicato la seguente tabella che rappresenta la classificazione delle farine:

Tipo di Farina Umidità Max Ceneri Min. Ceneri Max. Proteine Min. Abburrattamento
00 14,50% - 0,55% 9,00% 50%
0 14,50% - 0,65% 11,00% 72%
1 14,50% - 0,80% 12,00% 80%
2 14,50% - 0,95% 12,00% 85%
Integrale 14,50% 1.30% 1,70% 12,00% 100%

Tutti quelli che hanno frequentato i nostri corsi professionali di pizzaiolo presso la nostra scuola della pizza, conoscono benissimo le farine, incluse la farina di buratto, quindi, sanno perfettamente che non stiamo parlando di una farina propriamente integrale, ma è caratterizzata da una permanenza di parti fibrose e di germe del seme, mantiene al suo interno granuli di grosse dimensioni, quindi è classificata come farina tipo 2.

Pizza Con Farina di Buratto
Una farina di buratto tipo 2

Rispetto alla farina tipo 00, la farina di buratto contiene molte più proteine, quindi più glutine, questo ne fa una farina di forza (W), contiene granuli più grandi, quindi è meno solubile, ma può essere impiegata per produrre pane, pasta, pizza e dolci. A proposito di dolci, sembrerebbe che i “Babà” fatti con questo tipo di farina siano i migliori.

Pizza Con Farina di Buratto

In pizzeria, questo sfarinato semigrezzo di grano tenero va aggiunto in piccole percentuali all’impasto classico, allo stesso modo in cui usate solitamente la farina integrale. La vostra pizza sarà croccante fuori e morbida dentro, leggera, profumata e fragrante.

Pizza Con Farina di Buratto
Pizza preparata con aggiunta di farina di burattto

Mi raccomando, preparate l’impasto con largo anticipo, preparate le palline per pizza, mettetele in un contenitore con coperchio e .. lievitazione in frigorifero a 3 gradi centigradi per almeno 48 ore.

Pizza Con Farina di Buratto
Impasto preparato con aggiunta di farina di buratto

Maggiori informazioni sul buratto le puoi trovare su wikipedia cliccando quì.

Pizza Con Farina di Buratto Overall rating: ★★★★★ 4.9 based on 14 reviews
5 1
Rate & review

Gli Amici, il Patrimonio più grande che io possieda. Trovato questo articolo interessante? Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o semplicemente premi “G+” per suggerire questo risultato nelle ricerche in Google. Diffondere contenuti che trovi rilevanti aiuta questo blog a crescere. Grazie!

Olio Aromatizzato all Aglio Sulla Pizza

Olio Aromatizzato all Aglio Sulla Pizza

Olio Aromatizzato all Aglio Sulla Pizza. Come dimenticare l’olio aromatizzato all’aglio!! Non scorderò mai il primo guaio che ho combinato in pizzeria nella mia lunga carriera di pizzaiolo (40 anni). Il mio maestro “Gennaro” aveva preparato con cura l’olio aromatizzato all’aglio, segretamente ne aggiungeva un cucchiaino su tutte le pizze che sfornava sapientemente. Appena ho messo piede in pizzeria, la sua prima raccomandazione che mi ha suggerito, è stata quella di tenere sempre pulito il banco di lavoro. Io…stupidamente ho buttato il prezioso olio all’aglio pensando che accidentalmente qualcosa fosse caduta nel barattolo dell’olio!

Aveva uno strano modo di farmi capire quando facevo qualche cosa di sbagliato, tirava dei grandi “calci nel culo”, e…quel giorno… me ne ha dati tanti. Da allora ho capito l’importanza dell’olio aromatizzato all’aglio in pizzeria.

Olio Aromatizzato all Aglio Sulla Pizza
Olio Aromatizzato all Aglio Sulla Pizza

Olio Aromatizzato all’Aglio Sulla Pizza

Oggi dopo 40 anni, preparo ancora il mio olio aromatizzato all’aglio, con molto anticipo, per non rischiare di rimanere senza, e, metto in chiaro con tutti i nuovi allievi che vengono nella mia scuola di pizzaioli che quel barattolo dal prezioso contenuto, non va assolutamente buttato!!!

Il profumo che l’olio all’aglio dona ad una pizza appena sfornata è qualche cosa di unico e ineguagliabile.

Con questa semplice ricetta lo potrete preparare anche voi a casa vostra oppure nella vostra attività commerciale.

Olio Aromatizzato all Aglio Sulla Pizza
Olio Aromatizzato all Aglio Sulla Pizza

Olio Aromatizzato all Aglio Sulla Pizza

Ingredienti:

Mezzo litro di olio extra vergine di oliva (quello buono)

6 spicchi d’aglio scamiciati (privati della pellicina)

Un cucchiaio di erbe aromatiche (rosmarino, origano, salvia e peperoncino tritati finemente)

Preparazione:

Lavate ed asciugate con cura un barattolo di vetro con tappo a chiusura ermetica.

Versate al suo interno i sei spicchi d’aglio scamiciati schiacciandoli leggermente con il palmo della vostra mano.

Aggiungete il mix di erbe aromatiche e ricoprite il tutto con l’olio extra vergine di oliva.

Chiudete ermeticamente il coperchio e lasciate riposare il barattolo in un luogo buio della vostra dispensa per venti giorni.

Evitate l’ossidazione del prodotto esponendolo alla luce.

Trascorsi i venti giorni, filtrate accuratamente il contenuto e … pronto.

Gustatelo sulla pasta, sulle bruschette, sulla pizza e sulle vostre focacce.

Oltre ad esaltare il gusto dei vostri piatti e delle vostre pizze, l’olio all’aglio possiede altre importanti proprietà benefiche:

Aiuta il sistema immunitario

Utile nella prevenzione del cancro

Controlla il colesterolo e protegge il nostro cuore

Molto efficace nel combattere ed eliminare la forfora

Un utile rimedio per il mal di denti

Utile rimedio per curare le infezioni alle orecchie

Utile per ridurre l’acne

Olio Aromatizzato all Aglio Sulla Pizza
Olio Aromatizzato all Aglio Sulla Pizza

Se desideri saperne di più sull’aglio puoi consultare wikipedia cliccando questo link.

A proposito, cosa aspetti a Cliccare su G+ e poi condividerlo sulla tua bacheca Facebook? ;-) (Gli articoli così tecnici sono di grande aiuto per chi realizza la pizza a casa propria o nella propria attività!)

Fai click su G+ e condividi su Facebook questo post, non verrai dirottato in nessun’altra pagina ma dimostrerai la tua riconoscenza per questo articolo! Grazie

Silvio Cicchi Executive Pizza Chef

Pizza e Lievito Le Giuste Dosi

Pizza e Lievito Le Giuste Dosi

Pizza e Lievito Le Giuste Dosi. Quando si scrivono dei post che verranno letti da molte altre persone, bisogna essere chiari, ma la cosa che ritengo molto importante per non cadere in critiche rivolte da altri lettori o persone che svolgono lo stesso mestiere è… scrivere solo cose che si conoscono bene.

Spesso navigo in rete alla ricerca di spunti e suggerimenti per nuovi post, proprio oggi per rispondere alle domande ricevute da molte lettrici e lettori che preparano la pizza a casa propria, ho voluto scrivere questi consigli che riguardano una cosa abbastanza importante riguardante la pizza, introduciamo l’argomento lievito e le giuste quantità da aggiungere all’impasto.

Pizza e Lievito Le Giuste Dosi
Pizza e Lievito Le Giuste Dosi

Pizza e Lievito Le Giuste Dosi

Quando leggo in qualche ricetta sul web di qualche illustre sito e vedo tra le dosi….Farina 300 grammi e Lievito 20 Grammi beh… tiro dritto, immediatamente passo ad altri siti e ad altre ricette. Come si possono usare 20 grammi di lievito di birra per 3 pizze al piatto o per la preparazione di una teglia? Quale credibilità dobbiamo dare a questi signori? Daltronde, basta osservare le foto dei loro risultati per capire che non si stà parlando di pizza, ma di qualcosa cotta in forno con degli ingredienti sopra.

Troppo lievito nell’impasto si sente, altrera profumi e il gusto della pizza.

Allora quanto lievito dobbiamo mettere?

I cubetti di lievito di birra che vendono al supermercato pesano 25 grammi, pensate che io in un impasto per 200 pizze con 24 ore di lievitazione in frigo, ne uso 5 GRAMMI (Cinque).

Pizza e Lievito Le Giuste Dosi
Pizza e Lievito Le Giuste Dosi

Pizza e Lievito Le Giuste Dosi

Per le casalinghe e i mariti che la domenica preparano la pizza a casa e come al solito impastano alle 5 del pomeriggio per poi lasciare lievitare l’impasto 2 sole ore per poi consumarlo la stessa sera alle 7/8, vorrei dare un consiglio: Aumentando la dose di lievito sproporzionatamente la pizza non lieviterà prima, impiegherà lo stesso tempo a lievitare anche con solo qualche briciola di lievito, 2 o tre grammi sono sufficienti. In ogni caso, l’impasto per essere digeribile deve arrivare a “maturazione” più o meno velocemente a seconda del tipo di farina che avrete usato per l’impasto, e alla maturazione, non si arriva di certo con solo due ore di lievitazione.

Prendete l’abitudine di impastare con una buona miscela di farina (W350) per pizza il sabato, per poi stendere la pizza e infornarla la domenica sera (lunga lievitazione in frigo), il risultato sarà ottimo.

Come commenta il mio amico Carmine, l’argomento “quanto lievito usare” è chiaro solo alle persone che hanno appropriate conoscenze sulla pizza, sugli impasti e soprattutto sulle farine da usare, chi prepara una volta ogni tanto la pizza a casà avrà difficoltà a capire.

Proprio per aiutare queste persone in difficoltà, ho preparato un corso di pizzaiolo professionale ONLINE alla portata di tutti che vi aiuterà a preparare la pizza a casa vostra proprio come un esperto pizzaiolo, contiene tante informazioni utili, trucchi e segreti sulle farine adatte per pizza, gli impasti, la lievitazione, la stesura e la cottura in forno. Gli iscritti al corso hanno a disposizione un tutor che risponderà a tutti i dubbi e domande, per saperne di più CLICCA QUI.

Pizza e Lievito Le Giuste Dosi
Pizza e Lievito Le Giuste Dosi

Pizza e Lievito Le Giuste Dosi Valutazione complessiva: ★★★★★ 4.9 basato su 14 recensioni
5 1
Tasso & recensione

Quota: Trovato questo articolo interessante? Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o semplicemente premi “G +” per suggerire questo risultato nelle ricerche in Google. Diffondere contenuti che trovi rilevanti aiuta questo blog a crescere. Grazie!

Impasto Pizza Tipo Pinsa Romana

Impasto Pizza Tipo Pinsa Romana

Impasto Pizza Tipo Pinsa Romana. La moda non è affatto un esclusiva che influenza il modo in cui ci vestiamo, ma allo stesso tempo influenza anche il cibo che giornalmente finisce sulle nostre tavole. La pizza del tipo “Pinsa Romana” è il caso lampante di questi ultimi anni. Mentre fino a qualche tempo fà era un caso ristretto alla sola area di Roma, adesso il fenomeno dell’apertura di nuove “pinserie” sta coinvolgendo un pò tutta la nostra penisola. Spuntano ovunque, spesso associate alla dicitura “bio” guarda caso anche essa di moda negli ultimi tempi. Pensate che nel mio piccolo paese nel giro di una settimana hanno aperto i battenti 2 nuove Pinserie.

Impasto Pizza Tipo Pinsa Romana
Impasto Pizza Tipo Pinsa Romana

Abbiamo ampiamente parlato della storia della pizza tipo Pinsa nel nostro precedente articolo che potrete consultare cliccando questo link, oggi parleremo di come preparare la miscela di farine per l’impasto di questa specialità.

Impasto Pizza Tipo Pinsa Romana

Gli ingredienti che compongono questo impasto speciale prevedono l’uso di una farina di frumento forte con un valore W alto che si aggiri intorno ai 350, a tutto questo va aggiunta la farina di soia e la farina di riso insieme ad una piccola percentuale di pasta acida essiccata.

Come sempre accade nella preparazione della pizza, tutto ha inizio dall’acquisto delle giuste farine per l’impasto. Se siete dei veri amanti della pizza, vi suggerisco di iscrivervi ad uno dei nostri corsi professionali di pizzaiolo presso la nostra scuola. Tutti quelli che hanno frequentato il nostro corso, oltre ad essere esperti nella stesura cottura e lievitazione, hanno una ampia conoscenza delle farine in commercio, quali acquistare e come usarle per ottenere una pizza pefetta.

Torniamo al nostro Impasto del tipo Pinsa Romana.

Preparate una miscela di farina del tipo:

800 grammi farina w300-w350

150 grammi farina di riso

50 grammi farina di soia

un cucchiaino di pasta acida di frumento essiccata come miglioratore

30 grammi sale

10 grammi olio EVO

lievito 4 o 5 grammi

Nota bene, questo tipo di miscela arriverà ad assorbire l’80 % di acqua.

Usate acqua rigorosamente fredda e cosa importantissima date modo all’impasto di arrivare a maturazione, quindi una lievitazione in frigorifero lunghissima. Preparate le palline negli appositi contenitori e mettetele in frigo a 3 gradi centigradi per almeno 48 o 60 ore.

Impasto Pizza Tipo Pinsa Romana
Impasto Pizza Tipo Pinsa Romana

Impasto Pizza Tipo Pinsa Romana

La pizza tipo Pinsa Romana è fragrante, base e bordo croccante e interno morbido e fragrante, più digeribile rispetto alla comune pizza per via della lunga lievitazione e alla alta idratazione, ipocalorica rispetto alla comune pizza dato l’impiego di farina di soia e farina di riso, si differenzia dalla sorella maggiore per un più basso contenuto di calorie e di grassi.

Se sei interessato a preparare a casa tua o nella tua attività commerciale la pizza tipo pinsa romana come un vero professionista, ti suggeriamo di iscriverti ad uno dei nostri corsi professionali di Pizzaiolo presso la nostra scuola. Per saperne di più sui nostri corsi professionali clicca quì.

Se desideri conoscere meglio la Pinsa Romana, clicca quì.

Pizza Tipo Pinsa Romana

Pizza Tipo Pinsa Romana

Pizza Tipo Pinsa Romana. La Pinsa Romana è un marchio registrato di una nota azienda romana. In questo articolo, per non incorrere in alcun guaio giudiziario, ci limiteremo a considerare un tipo di pizza che chiameremo “Tipo Pinsa Romana”

Cos’è la pizza del tipo pinsa romana? Iniziamo inevitabilmente da qualche inevitabile cenno storico.

La pizza tipo pinsa romana è una focaccia preparata con un impasto leggerissimo. Una schiacciata di forma ovale, il su nome deriva dalla lingua latina “pinsere” che significa schiacciare, allungare.

Pizza Tipo Pinsa Romana
Pizza Tipo Pinsa Romana

Le origini di questo tipo di pizza particolare, risalgono a migliaia di anni fà, quando i più poveri preparavano questo prodotto mescolando cereali che avevano a disposizione orzo, farro, avena e miglio con acqua, sale e erbe varie, l’impasto ottenuto veniva cotto su pietra.

Testimonianze facilmente reperibili si possono trovare nei racconti di Virgilio nella sua Eneide, la pinsa veniva utilizzata come base (piatto) per vivande.

Questo fa della Pinsa la antenata della pizza che troviamo nei tempi odierni.

Pizza Tipo Pinsa Romana

La pinsa moderna è una rielaborazione adattata alle tecniche moderne, gli ingredienti che compongono questo tipo di impasto sono:

Le differenze dalla comune pizza che si possono notare a vista sono:

La forma ovale “pinsere=allungare”

La fragranza essendo alta e morbida

La digeribilità dovuta ai lunghi tempi di lievitazione

Assorbimento dell’acqua che può arrivare all’80%

I tempi di lievitazione della pizza tipo pinsa romana possono arrivare anche a 120 ore in frigorifero.

Pizza Tipo Pinsa Romana
Pizza Tipo Pinsa Romana

Pizza Tipo Pinsa Romana

Nel nostro prossimo articolo vi sveleremo come preparare a casa vostra il mix di farine per preparare la pizza tipo pinsa romana.

Chi è interessato a questo tipo di pizza, può frequentare uno dei nostri corsi pratici di pizzaiolo presso la nostra scuola. Tutti i nostri allievi pizzaioli conoscono le farine come le proprie tasche, inoltre sono in grado di preparare il delizioso impasto per sfornare la pizza tipo pinsa romana che produciamo e consumiamo regolarmente durante i nostri corsi professionali di pizzaiolo.

Ci sentiamo tra qualche giorno per parlare dettagliatamente dell’impasto tipo pinsa romana. Lo trovate cliccando questo link.

Pizza Tipo Pinsa Romana

Maggiori info sulla Pinsa Romana.

Sale Aromatizzato Al Rosmarino Come Prepararlo

Sale Aromatizzato Al Rosmarino Come Prepararlo

Sale Aromatizzato Al Rosmarino Come Prepararlo. Tutti quelli che vivono nella zona Mediterranea hanno la fortuna di conoscere questa pianta aromatica famosa già dai tempi dei romani.

Abbiamo già parlato di questa pianta in un nostro precedente post chiamato “Il Rosmarino, Buono Anche Da Fumare”. Titolo alquanto ironico, ma che non fa altro che decantare tutte le proprietà benefiche di questa pianta. Se desiderate saperne di più sul rosmarino, vi invito a leggere il post cliccando questo link.

É molto usato in cucina, penso che tutti abbiano tra le spezie e ingredienti nella propria cucina del rosmarino, nella forma essiccata oppure un rametto fresco appena immerso in un bicchiere di acqua.

Sale Aromatizzato Al Rosmarino Come Prepararlo
Sale Aromatizzato Al Rosmarino Come Prepararlo

In pizzeria, il rosmarino è indispensabile. Quasi sempre viene usato fresco su tutte le focaccie, il suo profumo rende le preparazioni uniche e appetitose.

In precedenza abbiamo proposto la ricetta e preparazione dell’olio al rosmarino, la trovate qui.

Non tutti conoscono invece l’impiego del rosmarino sotto la forma di “sale aromatizzato al rosmarino”. L’uso sulla pizza di questo condimento saporito darà un tocco in più a tutte le vostre pizze.

Sale Aromatizzato Al Rosmarino Come Prepararlo

E’ una ricetta semplicissima da preparare, non avrete nessuna difficoltà.

Iniziamo la preparazione acquistando il giusto tipo di sale, niente sale iodato o altri tipi di sale chimico, ma acquistate del comune sale marino integrale, grosso o fino non ha importanza in quanto dovremo passarlo per il mixer e triturarlo insieme al rosmarino.

Ingredienti

500 grammi di sale integrale

5/6 rametti di rosmarino fresco

Lavate ed asciugate il rosmarino, versatelo in un mixer insieme al sale e tritate il composto a impulsi brevi per evitare il surriscaldamento del prodotto.

Adagiate il composto su una teglia con della carta forno e infornate a 50 gradi circa e lasciate asciugare il composto per 30 minuti.

Sale Aromatizzato Al Rosmarino Come Prepararlo
Sale Aromatizzato Al Rosmarino Come Prepararlo

Sale Aromatizzato Al Rosmarino Come Prepararlo

Quando il vostro sale aromatizzato al rosmarino sarà perfettamente asciutto, toglietelo dal calore del forno e lasciatelo raffreddare a temperatura ambiente.

Versatelo in vasetti di vetro a chiusura ermetica ed è pronto da usare. Si conserva praticamente all’infinito.

Popolo di amanti della pizza a voi la parola!!

Prima di tutto se ti è piaciuto il post ti invito a condividerlo.

Fatta questa operazione, dimmi cosa ne pensi. Il nostro sito oggi riceve la maggior parte del suo traffico grazie ai tantissimi suggerimenti e consigli su come fare la pizza che forniamo giornalmente ai visitatori. Nel tuo caso invece? perchè ci segui? lascia un tuo commento.

Sale Aromatizzato Al Rosmarino Come Prepararlo
Sale Aromatizzato Al Rosmarino Come Prepararlo

Il Rosmarino su wikipedia