Archivi categoria: Street Food

Le Cresciole Marchigiane Pizza Fritta

Le Cresciole Marchigiane Pizza Fritta

Le Cresciole Marchigiane Pizza Fritta. Sfogliando il ricettario della mia nonna scomparsa ormai da tempo sono saltate fuori le “cresciole fritte”. Subito con la memoria sono tornato indietro all’età di 5/6 anni quando osservavo la nonna che le preparava. In quei tempi “poveri” questa delizia era associata sempre a qualche festività segnata in rosso sul calendario. Ricordo che la nonna mi diceva che la ricetta le era stata tramandata dalla sua nonna, quindi stiamo parlando di qualcosa che proviene dal 1850 circa, epoca in cui per strada non si vedevano automobili, ma solo carrozze e cavalli.

Le cresciole fritte possono essere preparate in due versioni: dolci e salate.

Una volta erano fritte rigorosamente nello strutto, oggi quasi tutti hanno scelto la versione light che prevede la frittura in olio vegetale.

Le Cresciole Marchigiane Pizza Fritta
Le Cresciole Marchigiane Pizza Fritta

Le Cresciole Marchigiane Pizza Fritta

Qualche settimana fà abbiamo pubblicato un post riguardante la pizza fritta Abruzzese, ad un lettore poco attento potrebbe sembrare un prodotto simile, ma in realtà sono due cose completamente diverse: Le cresciole fritte marchigiane quando si preparano…..se ne preparano tante, e si conservano per molti giorni, vengono usate nella versione dolce come snack ghiotto in qualsiasi momento della giornata, e nella versione salata anche in sostituzione del pane oppure come fanno in tanti a mo’ di piadina, cioè piegate a metà e farcite con svariati ingredienti che vanno dal prosciutto oppure ai formaggi locali.

Le Cresciole Marchigiane Pizza Fritta
Le Cresciole Marchigiane Pizza Fritta

Le Cresciole Marchigiane Pizza Fritta

La preparazione delle cresciole fritte è semplicissima. Gli ingredienti per l’impasto sono:

200 grammi di farina

2 uova

2 cucchiai di zucchero

Un cucchiaio di olio extra vergine di oliva

Un cucchiaio di anice

un pizzico di sale fino

Sale oppure zucchero per il topping, a seconda della versione che si è scelta di preparare.

Le Cresciole Marchigiane Pizza Fritta
Le Cresciole Marchigiane Pizza Fritta

Le Cresciole Marchigiane Pizza Fritta

La preparazione:

Come avrete notato dalla lista degli ingredienti, questa ricetta non prevede l’uso di alcun tipo di lievito, quindi la preparazione è rapida e senza alcuna difficoltà.

Disponete la farina a fontana sul vostro piano di lavoro, allo stesso modo con il quale preparate la pasta fatta in casa. Rompete le due uova, aggiungete i 2 cucchiai di zucchero, l’olio buono (come dice la vecchia ricetta), un poco di anice, un pizzico di sale e aiutandovi con una forchetta sbattete amalgamando il tutto.

Con le vostre mani amalgamate al composto liquido la farina lentamente, fino ad ottenere un buon impasto liscio, omogeneo e morbido come quello della pizza.

Arrivati a questo punto, dividete l’impasto in palline piu piccole. Stendetele con il mattarello in cerchi (come si fa con la pizza) sottili e immergeteli nell’olio bollente per circa tre minuti, poi giratele dall’altro lato.

Appena avranno raggiunto il giusto grado di doratura, scolatele su un foglio di carta assorbente e aggiungete il sale o lo zucchero a seconda della versione che avrete scelto.

Le Cresciole Marchigiane Pizza Fritta
Le Cresciole Marchigiane Pizza Fritta

Ricordate che come la tradizione vuole: La prima è per voi, ma la seconda va subito portata a casa dei vicini, l’odore del fritto oltre a riempire la cucina di casa vostra, riempirà anche quella dei vostri vicini di casa, quindi prima che vi “maledicano” :-) per la grande puzza di fritto, meglio fare bella figura e portargli una cresciola fritta da assaggiare.

Durante i corsi di pizzaiolo e quelli abbinati allo street food che organizziamo presso la nostra scuola della pizza, prepariamo molto spesso le cresciole. Se sei interessato a saperne di più sui nostri corsi, clicca qui.

Se la tua ricetta delle cresciole fritte è diversa dalla nostra, facci sapere come la prepari: Lascia un commento su questa pagina.

Gli amici, come i vicini di casa, sono il patrimonio più grande che io possieda. Aiuta il nostro blog a crescere, condividi questa ricetta sui tuoi social.

La Pizza Fritta Abruzzese

La Pizza Fritta Abruzzese

La Pizza Fritta Abruzzese. Ho un suggerimento per una fantastica meta per le vostre prossime vacanze. Se non lo avete ancora fatto, vi consiglio fortemente di visitare la regione Abruzzo. Sembra proprio che sia la località dove, a detta dei turisti stranieri che visitano il nostro belpaese, si mangi meglio in assoluto. A fornire questa speciale classifica, non sono io, ma udite udite… una indagine condotta da Confesercenti-Ref. E’ stato chiesto a moltissimi turisti che visitano le regioni Italiane di dare un proprio giudizio sui servizi e sull’accoglienza. I risultati ottenuti da questa speciale classifica non lasciano alcuna ombra di dubbio: In una scala che va da 1 a 10 il risultato ottenuto dall’indagine è stato per l’Abruzzo del valore di 9,06. Il migliore in assoluto, a seguire Campania, Basilicata e Calabria.

Tra le tantissime specialità che questa bellissima regione ha da offrirci e che riguarda da vicino il nostro sito che tratta esclusivamente la pizza, è sicuramente “la pizza fritta Abruzzese”.

Già in primavera, con le prime avvisaglie della bella stagione, in Abruzzo iniziano le prime sagre dedicate al cibo e allo “street food”. Fortunatamente, solo qualche decina di minuti di auto mi separano da questa regione, quindi da diretto interessato, non me ne lascio sfuggire una.

Ho notato che la pizza fritta è chiamata in modi diversi a seconda della città che si intende visitare, Pizzonta, pizzetta fritta, pizzondella.

La Pizza Fritta Abruzzese

E’ assolutamente un cibo popolare, e, a sentire gli anziani del luogo, era molto diffusa in passato vista la semplicità degli ingredienti “poveri” con cui era fatta.

Questo particolare street food è un alimento povero che si prepara con l’impasto del pane oppure della pizza, fritto in grossi pentoloni riempiti con olio di semi oppure olio extra vergine di oliva.

Nelle sagre paesane viene servita con sale oppure zucchero cosparso sulla superficie, a seconda che viene preferita la versione dolce oppure quella salata.

Nella ultima sagra paesana alla quale ho partecipato ho avuto la fortuna di visitare la cucina e di potere osservare tutto il processo di lavorazione, dalla farina fino alla frittura. Capisco che solo pochi fortunati hanno questo privilegio, ed è con immenso piacere che desidero condividere con voi la fantastica ricetta della “pizzonta”, espressione dialettale locale che significa pizza unta.

La Pizza Fritta Abruzzese
La Pizza Fritta Abruzzese

Ho avuto il privilegio di avere Candellora, anziana del paese (75 anni) che mi ha fatto da cicerone nel giro in cucina. La prima cosa che mi ha mostrato è la “nzogna”, pochi di voi conosceranno questo termine, ma forse conoscete questo: La sugna.

Si sa che del maiale non si scarta niente, una delle cose che caratterizzano questa area è appunto la vescica del maiale riempita con la nzogna. Durante la macellazione del maiale, la vescica dopo essere stata attentamente pulita con una miscela di acqua e aceto aromatizzato con scorze di agrumi, viene immersa in acqua fredda affinchè diventi solida. Nel frattempo vengono fatti a cubetti del grasso di maiale in un grosso pentolone e vengono messi sul fuoco fino a formare il grasso liquido. Prima che il grasso si raffreddi, viene versato nella vescica ed appesa ad un chiodo sul soffitto.

La sugna, conserva lo “strutto” contenuto in essa per diversi mesi. Lo strutto è uno degli ingredienti molto usati nella cucina Abruzzese e assolutamente indispensabile per la buona riuscita della pizza fritta. Le dona un profumo ineguagliabile e una morbidezza unica.

La Pizza Fritta Abruzzese
La Pizza Fritta Abruzzese

La Pizza Fritta Abruzzese

Per preparare la pizza fritta a casa vostra avrete bisogno dei seguenti ingredienti:

  • 850 g di farina
  • 120 g di patate lesse
  • 400 g di acqua
  • 80 g di strutto
  • 2 cucchiaini di sale
  • 2 cucchiaini di zucchero
  • 5 grammi di lievito di birra
  • olio di semi di girasole per friggere
  • inoltre sale o zucchero per condire la superficie

Tutti i visitatori regolari del mio blog sanno che ogni tipo di farina assorbe acqua in maniera diversa, quindi aggiungete farina fino ad ottenere un impasto che risulti morbido ed elastico.

Impastiamo gli ingredienti a mano o con l’aiuto di una impastatrice meccanica

Tagliamo l’impasto in palline da 120 grammi circa

Lasciamoli lievitare

Terminata la fase di lievitazione, stendete le palline con il mattarello in modo uniforme

Con un coltello praticate un paio di incisioni nella parte centrale della pizza stesa prima di immergerla nell’olio caldo, in modo da evitare che si rigonfi durante la cottura.

Qualche minuto di frittura fino alla perfetta doratura su ambo i lati e scolatele bene dall’olio adagiandole su uno strato di carta assorbente.

Infine cospargete le superfici con sale o zucchero, a seconda della versione che avrete scelto di mangiare.

La Pizza Fritta Abruzzese
La Pizza Fritta Abruzzese

Siete tutti invitati a partecipare alla prossima sagra della pizza fritta Abruzzese.

La pizza fritta è inclusa nel nostro programma formativo che riguarda lo “street food” nella nostra scuola di pizzaioli, dove settimanalmente teniamo corsi professionali di pizzaiolo. Se sei interessato a partecipare ad uno dei nostri corsi, clicca qui. Non hai tempo disponibile per partecipare ad uno dei nostri corsi? Nessun problema. Sul nostro sito è disponibile un fantastico e funzionale corso professionale di pizzaiolo Online. Accedere al nostro corso online è semplicissimo, basta effettuare il login al sito quando avrai dei ritagli di tempo disponibile. Maggiori informazioni sul corso online li trovi qui.

Se ti è piaciuto questo post, ti preghiamo di condividerlo su G+ e su Facebook. Aiuta il nostro blog a crescere.

La tua ricetta della pizza fritta è differente? Lascia il tuo commento su questa pagina.

La Pizza Fritta Abruzzese
La Pizza Fritta Abruzzese
Pizza Con Le Lumache

Pizza Con Le Lumache

Pizza Con Le Lumache. Tutto è iniziato con una giornata di pioggia. Orribile, ma assolutamente normale per il mese di novembre, e….giornata perfetta per chi come me, abita in campagna. Quando piove, si raccolgono le lumache.

Qualche tempo fà, ho dedicato del tempo a preparare una pizza con le lumache di mare, oggi ho voluto preparare una variante di questa pizza, una pizza con le lumache, oppure se preferite, potete chiamarle chiocciole.

La preparazione di questa pizza, è assolutamente semplice, richiede invece, un tempo maggiore, la preparazione e la cottura delle lumache.

Pizza Con Le Lumache

Preparazione dell’impasto per pizza. Preparate un buon impasto per pizza con una farina forte e lasciatelo a lievitare per almeno 24 ore in frigorifero.

Se avete dei dubbi su quale farina acquistare, leggete la nostra utilissima guida alla farina per pizza.

L’impasto è quello classico, quello di sempre. Se desideri rinfrescarti la memoria clicca qui.

La cottura delle lumache:

Tutti i buongustai possiedono la propria ricetta per cucinare in maniera perfetta le lumache, quindi affrontiamo questo passaggio velocemente.

Dopo avere spurgato, lavato per bene e sbollentato le lumache,

Pizza Con Le Lumache
Pizza Con Le Lumache

Preparate in una pentola con olio extra vergine di oliva, il soffritto di erbe, mettete a rosolare.

Pizza Con Le Lumache
Pizza Con Le Lumache

Aggiungete le lumache, i pelati, aggiustate di sale, e mettete a cuocere a fuoco lento per un paio di ore.

Dopo due ore circa saranno pronte. Gran parte delle lumache sono state precedentemente sgusciate, ma ho ritenuto opportuno lasciarne qualcuna con la conchiglia, per dare un tocco di originalità a questa pizza.

Pizza Con Le Lumache
Pizza Con Le Lumache

Servitene su un piatto una bella dose, e lasciatelo raffreddare.

Pizza Con Le Lumache

Pizza Con Le Lumache
Pizza Con Le Lumache

A questo punto, tirate fuori il vostro impasto e stendete la vostra pizza formando un disco di pasta da 33 centimetri.

Pizza Con Le Lumache
Pizza Con Le Lumache

Versate sul disco di pasta la salsa con le lumache

Pizza Con Le Lumache
Pizza Con Le Lumache
Pizza Con Le Lumache
Pizza Con Le Lumache

Aggiustate, aiutandovi con un cucchiaio, la salsa con le lumache fino al bordo della pizza.

Pizza Con Le Lumache
Pizza Con Le Lumache

Impalate la pizza e infornatela a 300 gradi per 4/5 minuti, fino a quando il bordo sarà perfettamente dora

Pizza Con Le Lumache

Risultato eccezionale.

Pizza Con Le Lumache

Gli ospiti, hanno apprezzato molto la Pizza Con Le Lumache

E a te? Ti piacciono le lumache? Lascia un tuo commento.

Ti piace preparare la pizza a casa tua? Sul nostro sito, è disponibile un fantastico corso online per diventare degli esperti pizzaioli. Contiene tantissimi video e tantissimi consigli da seguire per ottenere una pizza perfetta a casa vostra, oppure nella vostra attività commerciale. Se desideri maggiori informazioni, clicca qui.

Pizza Con Le Lumache Valutazione complessiva: ★★★★★ 4.9 basato su 13 recensioni
5 1
Tasso & recensione

Gli Amici, il Patrimonio più grande che io possieda. Trovato questo articolo interessante? Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o semplicemente premi “G +” per suggerire questo risultato nelle ricerche in Google. Diffondere contenuti che trovi rilevanti aiuta questo blog a crescere. Grazie!

Pizza Alla Trippa Video Ricetta

Pizza Alla Trippa Video Ricetta

Pizza Alla Trippa Video Ricetta. Adoro la trippa. “Giovedì Trippa”, chissà quante volte ci è capitato di vedere la scritta di qualche ristorante che proponeva questo delizioso piatto “street food”. Ne è avanzata una bella porzione dalla cena di ieri sera, e a dirvi la verità…oggi non ho potuto resistere alla tentazione di preparare una pizza insolita, la pizza con la trippa. Una sorta di focaccia che facesse da letto alla maestosa “trippa”.

Pizza Alla Trippa Video Ricetta
Pizza Alla Trippa Video Ricetta

Pizza Alla Trippa Video Ricetta

La prima operazione da fare per preparare questa pizza, è cucinare la trippa. La cottura lenta, prevede un battuto di sedano carote, cipolla e rosmarino. Viene aggiunta la trippa, lasciata rosolare, poi viene aggiunto il pomodoro. Terminata la preparazione della trippa, si passa alla preparazione dell’impasto per pizza, come descritto nel nostro precedente articolo che troverete cliccando qui.

Dopo avere preparato l’impasto per pizza, lo abbiamo suddiviso in palline dal peso di 270 grammi, messe a riposare per la lievitazione.

Dopo la lunga lievitazione, abbiamo steso le palline fino a formare dei dischi di pasta dal diametro di circa 33 centimetri. Per chi non ha molta dimestichezza nello stendere la pizza con le mani, può essere utile la lettura del nostro articolo che approfondisce in maniera molto semplice con l’aiuto di molti video, a stendere la pizza in modo professionale come un esperto pizzaiolo.

A questo punto aggiungiamo sulla superfice delle pizze la trippa precedentemente preparata.

Inforniamo a 300 gradi per 4 o 5 minuti, il tempo necessario per dorare il bordo della pizza alla perfezione.

L’aggiunta di qualche rametto di rosmarino fresco prima di servirla ai vostri ospiti, donerà a questa deliziosa pizza un aspetto davvero speciale.

Pizza Alla Trippa Video Ricetta
Pizza Alla Trippa Video Ricetta

Se avevate messo da parte in cantina una bottiglia di rosso per festeggiare qualche occasione speciale, è giunto il momento adatto per tirarla fuori e aprirla. Questa pizza merita.

Pizza Alla Trippa Video Ricetta

Di seguito, il video della preparazione di una pizza con la trippa da uno degli allievi della nostra scuola della pizza. Se desideri avere maggiori informazioni sui nostri corsi pratici, clicca quì.

Se proprio non hai tempo disponibile per frequentare il nostro corso pratico, ti suggeriamo di iscriverti al nostro corso professionale di pizzaiolo online. Un ottimo corso, Tanti video “know how” tante informazioni da leggere per preparare la pizza come un esperto pizzaiolo.

Non conosci la trippa? Ok, nessun problema, puoi iniziare dando uno sguardo a wikipedia cliccando quì.

Ti piacciono i nostri video? Aiutaci a fare crescere il nostro blog, condividi questo articolo su facebook, clicca su G+.

Iscriviti al nostro canale Youtube se ti piacciono i video sulla pizza.

Ci segui spesso? Lascia un tuo giudizio.

Pizza Alla Trippa Video Ricetta Valutazione complessiva: ★★★★★ 4.9 basato su 13 recensioni
5 1
Tasso & recensione

Pizza con Kebab

Pizza con Kebab

Pizza con Kebab. Se non ci fosse, bisognerebbe inventarla! Proprio così, questa pizza ormai è entrata a fare parte della nostra cultura del buon cibo, e, il sapore del kebab da un tocco di orientale alle nostre pizze, e, non è affatto male.

Questa pizza è davvero semplice nella sua preparazione, una pizza con pomodoro, aglio e origano sulla base, una volta sfornata, viene aggiunto un letto di rucola fresca, il kebab a fette e di seguito condita con olio, sale e aceto balsamico di Modena.

Adatta per tutte le stagioni, sia durante le fredde serate invernali, sia durante le caldi serate estive.

Pizza con Kebab
Pizza con Kebab

Pizza con Kebab

Dopo avere acquistato la giusta farina per preparare la pizza, proseguiamo spediti verso l’impasto.

Preparate il classico impasto per pizza, non preoccupatevi se non avete alcuna esperienza, perchè tutto è descritto nel nostro precedente articolo dedicato completamente all’impasto per pizza, che, potrete consultare cliccando qui.

La base su cui è preparata la pizza con kebab, è una classica pizza marinara. Vi sarà sicuramente di aiuto il nostro post dedicato alla preparazione della pizza marinara. Aiutatevi cliccando qui.

Pizza con Kebab
Pizza con Kebab

Pizza con Kebab

Una volta sfornata la pizza marinara, aggiungete un letto di rucola fresca.

Aggiungete il kebab a fette, io ho acquistato un ottimo kebab di tacchino, dal gusto delicato, ma penso che con qualsiasi altro tipo di kebab sarebbe stata ottima.

Condite con un pizzico di sale fino

Un filo di olio extra vergine di oliva

Uno spruzzo di aceto balsamico di Modena

e, servite ancora calda ai vostri ospiti.

La pizza con kebab è davvero una ottima pizza, sorprendi i tuoi ospiti preparando loro la nostra pizza.

Abbiamo messo a tua disposizione il video realizzato durante uno dei nostri corsi professionali presso la nostra scuola della pizza Italiana. Iscriviti ad uno dei nostri corsi pratici professionali, diventa un esperto pizzaiolo. Apri la tua attività di pizzeria. Nel video, il Pizzaiolo Gianluca di Valencia (Spagna) durante la preparazione di questa gustosissima pizza.

Se non hai tempo disponibile per frequentare un corso pratico, puoi sempre iscriverti al nostro “Corso Di Pizzaiolo Professionale Online” Un ottimo corso ONLINE, puoi accedere quando vuoi, quando hai tempo libero.

Iscriviti al nostro sito per ricevere la newsletter dei “pizzaioli” I LOVE PIZZA. Tutte le novità più importanti nel settore pizza, ricette e video.

Fantastico, hai letto tutto il post! Ti è piaciuto? Se sì, condividilo subito!

Focaccia Con Prosciutto e Fichi

Focaccia Con Prosciutto e Fichi

Focaccia Con Prosciutto e Fichi. Sono realmente cresciuto all’ombra di un fico. Proprio davanti al portone di casa mia, durante l’infanzia, in aperta campagna, c’era una pianta di fico enorme, alta circa 10 metri, dalle foglie grandi e di colore verde, scure sulla parte superiore e più chiare sulla parte inferiore. Produceva dei grandissimi frutti a forma di pera che, variavano dal colore verde al colore rossiccio.

Focaccia Con Prosciutto e Fichi
Focaccia Con Prosciutto e Fichi

Da piccolo, la mia merenda favorita non poteva che essere: Pane con prosciutto e fichi.

Nei miei ricordi, compare ancora oggi l’immagine della nonna che arrotolava sapientemente i fichi ben maturi all’interno delle stesse foglie fino a formare il “salame di fichi”. Lungo circa 20 centimetri, dal diametro di 7/8 centimetri, è legato con uno spago allo stesso modo con cui è legata la lonza. Oggi il lonzino di fichi viene ancora preparato da qualche sapiente anziana del villaggio che conserva le vecchie tradizioni. Questo salame di fichi è riconosciuto come un “prodotto agroalimentare tradizionale” delle campagne marchigiane ed è un presidio “Slow Food” dal 1999. Viene servito tagliato a fette proprio come si fà con i classici affettati, e sprigiona profumi e sapori unici, il suo gusto è gradevolmente dolce e si avvertono i profumi del fico essiccato.

Focaccia Con Prosciutto e Fichi
Pizza con prosciutto crudo e fichi

Focaccia Con Prosciutto e Fichi

Nel 1975 quando ho iniziato a stendere e infornare le mie prime pizze, non ho potuto fare a meno di abbinare questo delizioso frutto alle focacce che sfornavo, magari aggiungendo qualche bella fetta di prosciutto crudo. L’abbinamento dolce e salato è stato sempre il mio favorito.

Ricordo che i clienti del paese, all’epoca, mi guardavano imbarazzati quando proponevo la focaccia con prosciutto e fichi, ma, stranamente i turisti americani e tedeschi che popolavano le spiagge della riviera, adoravano questa mia creazione e tornavano frequentemente nel locale per ordinarla nuovamente.

Oggi, la Focaccia con Prosciutto Crudo e Fichi finalmente viene riconosciuta come una specialità quando si parla di “Street Food”.

Preparare questa focaccia è semplicissimo, potete farla in poco tempo a casa vostra oppure nella vostra pizzeria o ristorante.

Focaccia Con Prosciutto e Fichi
Focaccia con crudo e fichi

Focaccia Con Prosciutto e Fichi

Preparate l’impasto con la vostra ricetta della focaccia, oppure prendendo spunto dal nostro precedente post: Come preparare una focaccia perfetta.

Quando l’impasto sarà morbido ed elastico al punto giusto, dividetelo in panetti da 250/270 grammi e metteteli in un contenitore con coperchio a lievitare.

Terminata la fase di lievitazione, stendete i panetti fino a formare dei dischi di pasta dal diametro di 30 centimetri circa.

Praticate dei fori sulla superficie per evitare rigonfiamenti durante la cottura.

Condite con un filo di olio extra vergine di oliva, sale e aghi di rosmarino fresco. Infornate nel vostro forno precedentemente riscaldato alla temperatura di 300 gradi per qualche minuto, fino a quando la superficie sarà perfettamente dorata.

Sfornate la vostra focaccia, lasciatela raffreddare qualche minuto e con un coltello tagliatela a metà per imbottirla.

Sistemate i fichi sbucciati tagliati a spicchi sulla superficie e aggiungete il prosciutto crudo.

Una delizia per il vostro palato e un successo assicurato con i vostri ospiti.

L’abbinamento perfetto da servire con questa pizza è un bel calice di frizzantino, dolce o fermo non fa alcuna differenza, basta che non la servite con la coca cola.

Se non conosci i fichi, puoi trovare maggiori informazioni su Alimentipedia.

La focaccia con prosciutto e fichi, è una delle tante specialità che prepariamo durante i corsi di pizzaiolo presso la nostra scuola della pizza. Se desideri saperne di più sui nostri corsi, ti invito a cliccare quì.

Focaccia Con Prosciutto e Fichi
Deliziosa pizza con prosciutto e fichi

Anche in cucina i fichi sono molto usati. Una ricetta al volo:

“Figà àea Venessiana” Già dal titolo è chiaro che questa antica ricetta appartiene alla tradizione Veneta. Le origini risalgono addirittura all’epoca dei Romani che preparavano il fegato insieme ai fichi per coprirne il forte odore.

Con il tempo i fichi hanno ceduto il posto alle cipolle dando vita ad una delle ricette più amate nel Veneto e non solo: Il fegato alla veneziana.

A proposito, cosa aspetti a Cliccare su G+ e poi condividerlo sulla tua bacheca Facebook? ;-) (Gli articoli così tecnici sono di grande aiuto per chi realizza la pizza a casa propria o nella propria attività!)

Fai click su G+ e condividi su Facebook questo post, non verrai dirottato in nessun’altra pagina ma dimostrerai la tua riconoscenza per questo articolo! Grazie

Silvio Cicchi Executive Pizza Chef

Cornetti al Prosciutto

Cornetti al Prosciutto

Cornetti al Prosciutto. Durante lo svolgimento dei corsi professionali di pizzaiolo presso la nostra scuola, capita spesso di approfondire l’argomento “buffet” e preparazioni particolari. Oggi, vista la insistente richiesta di alcuni lettori del sito, abbiamo preparato questa semplice ma deliziosa ricetta catalogabile nella categoria “street food”. Si presta molto per essere abbinata a buffet di pizza, a merende di bambini e per quelli come me che preferiscono la colazione salata a quella dolce.

Questa ricetta prevede la realizzazione di cornetti salati che vengono preparati con impasto per pizza, farciti con il prosciutto cotto, ma le varianti possono essere tantissime e infinite, sottaceti, tonno, funghi trifolati, salmone solo per citarne alcuni, ma lascio questa parte del ripieno alla vostra fantasia e ai vostri gusti preferiti.

Cornetti al Prosciutto

Preparazione

Cornetti al Prosciutto
Stendere l’impasto per pizza

I nostri cornetti sono preparati non con la comune e ipercalorica pasta sfoglia, ma con il classico impasto per pizza. Se non siete esperti nella preparazione dell’impasto per pizza, vi consiglio di leggere il nostro precedente post sull’impasto che troverete cliccando qui.

Cornetti al Prosciutto
Tagliare il disco di pasta a spicchi

Una volta terminata la preparazione dell’impasto, dividetelo in pezzi da 250/270 grammi, formate le palline e lasciatele riposare per la lievitazione in un contenitore ben chiuso da un coperchio.

Cornetti al Prosciutto
aggiungete il prosciutto cotto

Terminata la fase di lievitazione che puo durare dalle 2 ore fino a raggiungere 24 ore, a seconda del tipo di farina che avete usato per il vostro impasto, stendete le palline fino a formare dei dischi di pasta dal diametro di 30 centimetri. Non avete idea di quale farina avete usato? Se le cose stanno veramente così, vi suggerisco di leggere attentamente il nostro precedente post interamente dedicato alle farine da usare per preparare la pizza. Per tutti quelli che hanno voglia di apprendere il fantastico lavoro del pizzaiolo così da fare anche a casa propria una pizza buona come quella che trovate in pizzeria, suggerisco di iscriversi al nostro corso professionale di pizzaiolo online, è semplice , contiene tantissimi video da vedere e rivedere e lo potrete seguire da casa vostra quando avrete tempo libero.

Cornetti al Prosciutto
Arrotolate gli spicchi

Tagliateli come illustrato in figura oppure guardate attentamente il video.

Cornetti al Prosciutto
Condite con olio sale e origano o semi di sesamo

Farciteli con il prosciutto cotto, oppure con i vostri ingredienti preferiti, arrotolateli e lasciateli nuovamente a lievitare per altre 2 ore.

Cornetti al Prosciutto
Infornate per 3 minuti a 300 gradi

Terminata la fase di lievitazione, conditeli con un filo di olio di oliva, un pizzico di sale, semi di sesamo o origano come ho fatto io e infornate nel forno precedentemente riscaldato a 300 gradi per 3/4 minuti fino a quando il bordo sarà perfettamente dorato.

Cornetti al Prosciutto
Sfornate appena pronti

Sfornate e mangiate!!

Video della realizzazione dei cornetti al prosciutto

Cornetti al Prosciutto

A differenza dei cugini cornetti dolci, i cornetti salati ripieni sono deliziosi se abbinati ad un buon vino.

Se desideri saperne di più sui cornetti e tutte le loro varianti, wikipedia è il sito giusto da visitare.

Cornetti al Prosciutto Valutazione complessiva: ★★★★★ 4.9 basato su 13 recensioni
5 1
Tasso & recensione

Quota: Trovato questo articolo interessante? Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o semplicemente premi “G +” per suggerire questo risultato nelle ricerche in Google. Diffondere contenuti che trovi rilevanti aiuta questo blog a crescere. Grazie!

Le Frittelle di Fiori di Sambuco

Le Frittelle di Fiori di Sambuco

Le Frittelle di Fiori di Sambuco. Con l’arrivo della primavera per me inizia la stagione della raccolta dei fiori di Sambuco.

Questa pianta che può raggiungere anche i 3 metri di altezza, inizia a fiorire ad aprile e va avanti fino a maggio inoltrato ed è possibile raccogliere i deliziosi fiori da proporre ai vostri ospiti, fritti in una deliziosa e leggera pastella.

Le Frittelle di Fiori di Sambuco
Le Frittelle di Fiori di Sambuco

Il sambuco al termine della fioritura produce delle squisite bacche commestibili che vengono usate in cucina per produrre confetture e in erboristeria per essere impiegati come tisane e medicamenti naturali, ma di questo parleremo più avanti in uno dei miei prossimi post.

E’ possibile trovare il sambuco in tutte le regioni del nostro paese fino a 1500 metri di altezza.

Le Frittelle di Fiori di Sambuco
Le Frittelle di Fiori di Sambuco

Le Frittelle di Fiori di Sambuco

Per la raccolta seguite attentamente i nostri consigli validi per la raccolta di tutte le piante selvatiche commestibili:

Non raccogliete piante vicino a strade trafficate (inquinamento), non raccogliete piante vicino a zone coltivate, potrebbero essere state trattate con pesticidi, ma soprattutto non raccogliete mai piante che non conoscete, esistono tante piante velenose, quindi fate molta attenzione.

Raccogliere i fiori di sambuco è molto semplice, quando li separate dalla pianta, fate attenzione a lasciare il gambo leggermente lungo e al ritorno a casa immergeteli nell’acqua, altrimenti appassiranno in fretta.

Le Frittelle di Fiori di Sambuco
Le Frittelle di Fiori di Sambuco

Le Frittelle di Fiori di Sambuco

Preparazione della pastella

Essendo i fiori di sambuco molto delicati, vi suggerisco di non usare una pastella complessa con aggiunta di uova o grassi. La cosa che si adatta meglio a questa ricetta è la semplice e collaudata pastella con la sola acqua e farina, magari usate una farina semi integrale per dare al vostro prodotto una consistenza maggiore e una leggera croccantezza. Le dosi? Mi dispiace ma dovrete fare ad occhio visto che ogni tipo di farina assorbe una quantita di acqua differente. Niente sale nella pastella, così potrete spolverarle di zucchero una volta fritte se le preferite dolci, altrimenti anche leggermente salate sono squisite.

Una volta preparata la pastella, mettete a scaldare in una padella dell’olio per friggere, io uso esclusivamente olio di girasole per la preparazione di questa ricetta, l’olio di semi vari o l’olio extra vergine di oliva hanno un sapore troppo forte se paragonato alla delicatezza del fiore di sambuco.

Appena l’olio avrà raggiunto la temperatura di 150-180 gradi immergete il fiore pastellato tenendolo per il gambo come fosse uno spiedino. In un paio di minuti il fiore di sambuco pastellato sarà ben dorato. Lasciatelo a scolare su uno strato di carta assorbente per rimuovere l’olio di frittura in eccesso e spolveratelo con dello zucchero grezzo oppure zucchero a velo a seconda delle vostre preferenze.

Per servirli a tavola potete aggiungere nel piatto di presentazione qualche fiorellino fresco rimasto, per abbellire la vostra presentazione.

Le Frittelle di Fiori di Sambuco
Le Frittelle di Fiori di Sambuco

Le Frittelle di Fiori di Sambuco

Nei nostri corsi di pizzaiolo che proponiamo regolarmente nella nostra scuola, è previsto anche lo street food, vengono preparate molte specialità come le frittelle con i fiori di sambuco, per saperne di più sui nostri corsi, clicca qui.

Se desideri avere maggiori informazioni su questa bellissima pianta, ti suggerisco di controllare la pagina dedicata al sambuco su wikipedia.

Ti piacerebbe preparare la pizza a casa tua per i tuoi ospiti come un vero professionista? Dai un occhiata al nostro corso di pizzaiolo professionale ONLINE. Tantissimi video da vedere e rivedere e tantissimi trucchi da imparare per ottenere la pizza perfetta nel tuo forno di casa. Per maggiori informazioni clicca qui.

Le Frittelle di Fiori di Sambuco Valutazione complessiva: ★★★★★ 4.9 basato su 13 recensioni
5 1
Tasso & recensione

Quota: Trovato questo articolo interessante? Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o semplicemente premi “G +” per suggerire questo risultato nelle ricerche in Google. Diffondere contenuti che trovi rilevanti aiuta questo blog a crescere. Grazie!

Le Tigelle Ricetta e Preparazione

Le Tigelle Ricetta e Preparazione

Le tigelle sono delle focaccine dalla forma tonda tipiche dell’appennino Emiliano tra la zona di Bologna e Modena. Vengono servite solitamente ripiene di salumi e formaggi o dal classico pesto montanaro Modenese.

Le Tigelle Ricetta e Preparazione
Le Tigelle Ricetta e Preparazione

A seconda della zona in cui ci troviamo, possono essere chiamate anche con nomi diversi. Nel modenese spesso sono chiamate crescentine o crescente una piccola focaccia fritta farcita, mentre nel bolognese sono chiamate tigelle, nome che deriva dall’attrezzo usato per la preparazione di queste deliziose focaccine, la Tigelliera.

Le Tigelle Ricetta e Preparazione
Le Tigelle Ricetta e Preparazione

Per evitare qualsiasi dubbio o fraintendimento, ordinate le tigelle, e sono sicuro che il vostro ristorante o pizzeria capirà cosa state ordinando.

Pesto Montanaro Modenese

Prima di preparare le nostre tigelle vorrei rinfrescarvi la memoria su come preparare velocemente il Pesto alla Modenese.

Il pesto montanaro è un condimento che viene usato a crudo a base di lardo di maiale e erbe con il quale vengono riempite le tigelle e altre delizie locali come le crescentine e i borlenghi.

Ottenuto tritando finemente il lardo crudo, l’aglio e il rosmarino fino ad ottenere una crema spalmabile dall’aspetto denso, questa crema viene spalmata nella tigella ancora calda e si termina l’operazione con una abbondante spolverata di parmiggiano locale grattugiato. In qualche località questo tipico pesto può essere chiamato anche con il nome di “cunza”.

Le Tigelle Ricetta e Preparazione
Le Tigelle Ricetta e Preparazione

Le Tigelle Ricetta e Preparazione

Preparazione delle tigelle.

La ricetta delle tigelle prevede l’uso di latte e strutto affinchè rimangano morbide anche nei giorni successivi alla preparazione.

Per preparare 24 tigelle:

500 grammi di farina

200 grammi di acqua non fredda

100 grammi di latte

25 grammi di strutto(sostituibile con olio extra vergine di oliva)

pochi grammi di lievito di birra

10 grammi di sale

Le Tigelle Ricetta e Preparazione
Le Tigelle Ricetta e Preparazione

Le Tigelle Ricetta e Preparazione

Preparazione:

Sciogliete il lievito nell’acqua e impastate tutti gli ingredienti in un contenitore fino ad ottenere un impasto elastico ed omogeneo simile a quello della pizza.

Lasciatelo lievitare per 1 ora, quando sarà raddoppiato di volume stendetelo fino ad ottenere una sfoglia dallo spessore di mezzo centimetro. Con il bordo di un bicchiere ricavate dei dischi di impasto dal diametro di 10 centimetri circa e lasciateli lievitare per altri 30 minuti. Questa operazione è importantissima e da essa dipenderà la morbidezza delle vostre tigelle.

Le Tigelle Ricetta e Preparazione
Le Tigelle Ricetta e Preparazione

Riscaldate la tigelliera sul fuoco e cuocete i dischi di pasta 3 minuti circa su ogni lato fino a quando la superfice sarà perfettamente dorata.

Servite le tigelle ai vostri ospiti ancora calde insieme all’affettato di salumi, formaggi morbidi da spalmare e al pesto modenese precedentemente preparato. Le tigelle sono deliziose anche se farcite con pomodorini, verdure grigliate, marmellate o cioccolato da spalmare.

Le Tigelle Ricetta e Preparazione
Le Tigelle Ricetta e Preparazione

Se desideri saperne di più sulle tigelle, consulta wikipedia

Le Tigelle Ricetta e Preparazione Valutazione complessiva: ★★★★★ 4.9 basato su 13 recensioni
5 1
Tasso & recensione

Condividi: Trovato questo articolo interessante? Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o semplicemente premi “G +” per suggerire questo risultato nelle ricerche in Google. Diffondere contenuti che trovi rilevanti aiuta questo blog a crescere. Grazie!

Pizzelle Fritte Ricetta Street Food

Pizzelle Fritte Ricetta Street Food

Pizzelle Fritte Ricetta Street Food.Oggi vorrei proporvi una antica ricetta tradizionale della cucina Napoletana, puro “street food”, i meno giovani ricorderanno nei vecchi episodi in tivù chiamati “L’oro di Napoli” con Vittorio De Sica,dove una bellissima Sofia Loren recitava la parte della moglie di un fornaio che per arrotondare il misero stipendio produceva e vendeva le pizzelle per le vie di Napoli.

Pizzelle Fritte Ricetta Street Food
Pizzelle Fritte Ricetta Street Food

Dal bianco e nero ai tempi di oggi le pizzelle non sono affatto cambiate, la ricetta è sempre la stessa e rimangono uno dei classici snack che vengono consumati per strada durante le passeggiate.

Pizzelle Fritte Ricetta Street Food

Pizzelle Fritte Ricetta Street Food
Pizzelle Fritte Ricetta Street Food

Questa foto è stata presa dal sito http://latavolaallegra.blogspot.it/2014/12/pizzelle-fritte-napoletane.html della mia amica Giovanna.

La cosa che rende particolari le Pizzelle è che sono fritte anzichè essere infornate come le comuni pizze.

Questa ricetta è molto semplice da preparare ed è adatta anche a chi non è molto esperto/a in cucina.

La preparazione delle Pizzelle, è suddivisa in due fasi:

La preparazione del sugo al pomodoro e quella delle pizzelle da friggere.

Andiamo per ordine: Prepariamo l’impasto delle pizzelle, e per farlo avremo bisogno di:

1 chilo di farina tipo 00

Mezzo litro di acqua a temperatura ambiente

5 grammi di lievito di birra

Un cucchiaio di zucchero

50 grammi di sale fino

Preparate l’impasto, se non siete esperti potete aiutarvi leggendo il nostro articolo ” Impasto per pizza fatta in casa” che vi spiega passo passo la preparazione.

Dividete l’impasto in palline da 50 grammi circa e lasciate lievitare in un contenitore con coperchio per almeno due ore, fino a quando non avrà raddoppiato il suo volume.

Nel frattempo preparate il sugo di pomodoro con i seguenti ingredienti:

Un paio di spicchi d’aglio

Una cipolla grande

2 cucchiai di olio extra vergine di oliva

Origano

1 chilo di passata di pomodoro

Sale

In una pentola versate l’olio extra vergine di oliva con l’aglio e la cipolla finemente tritata e rosolate. Aggiungete la passata di pomodoro con il sale e l’origano e lasciate a fuoco medio per una mezz’ora.

Pizzelle Fritte Ricetta Street Food

Pizzelle Fritte Ricetta Street Food
Pizzelle Fritte Ricetta Street Food

Quando sarà completata la fase di lievitazione, schiacciate le palline di impasto fino a formare tanti dischetti lasciando i bordi leggermente rialzati.

Pizzelle Fritte Ricetta Street Food
Dischi di pasta pronti da friggere

Mettete a scaldare sul fuoco una padella con abbondante olio di oliva per friggere le pizzelle.

Lasciate friggere per qualche minuto su entrambe i lati fino a doratura.

Scolate su di un foglio di carta assorbente.

Pizzelle Fritte Ricetta Street Food
Pizzelle fritte

A questo punto condite le pizzelle con qualche cucchiaio di sugo e una spolverata di formaggio grattuggiato, oppure, se preferite con della mozzarella a dadini e servitele ben calde ai vostri fortunati ospiti.

Pizzelle Fritte Ricetta Street Food
Pizzelle condite

Suggerimenti: Prova le pizzelle con rucola e pomodorini, oppure con tonno e cipolla, assolutamente deliziose!!!

Se siete amanti di questo tipo di street food, vi invito a dare un occhiata a wikipedia che dedica ampio spazio alla pizza fritta.

Se invece vorreste approfondire meglio le vostre conoscienze sulla pizza, iscriviti al nostro corso di pizzaiolo professionale ONLINE, per maggiori informazioni clicca qui.

Pizzelle Fritte Ricetta Street Food
Pizzelle Fritte Ricetta Street Food
Pizzelle Fritte Ricetta Street Food Overall rating: ★★★★★ 4.9 based on 13 reviews
5 1
Rate & review
Share: Trovato questo articolo interessante? Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o semplicemente premi “G+” per suggerire questo risultato nelle ricerche in Google. Diffondere contenuti che trovi rilevanti aiuta questo blog a crescere. Grazie!