I Piatti Italiani Famosi Nel Mondo Che Non Sono Italiani

I Piatti Italiani Famosi Nel Mondo Che Non Sono Italiani

I Piatti Italiani Famosi Nel Mondo Che Non Sono Italiani. L’Italia è famosa in tutto il mondo per il cibo, la moda e la storia millenaria. La maggior parte dei turisti che visitano il nostro belpaese vengono per lo shopping alla moda, la visita delle più belle città d’arte e IL CIBO.

Di sicuro il cibo è un settore trainante della nostra economia, spesso i nostri piatti vengono copiati e lo vediamo quando siamo noi a visitare altri paesi. Questo copia copia mi diverte molto. Provate ad immaginare che ci sono piatti spacciati per Italiani che realmente non esistono nel nostro paese. Una piccola lista a seguire.

Alcuni piatti Italiani famosi all’estero ma non sono Italiani

Gli Spaghetti con le Polpette. La Disney le ha addirittura usati in un famoso cartoon, bene, essi non esistono in Italia. Potrete mangiare gli spaghetti con il sugo di polpette, poi le polpette servite in un secondo di carne, ma mai insieme.

La Hawaiana o se preferite pizza con l’ananas non la troverete sicuramente nelle pizzerie Italiane.

I Piatti Italiani Famosi Nel Mondo Che Non Sono Italiani

La Pizza Pepperoni: No, mi dispiace per voi ma non esiste in Italia, Potrete trovare la pizza con il salame piccante qualora vogliate mangiarla in pizzeria.

Il Pane all’aglio oppure chiamatelo Garlic bread, anche questa ricetta non è sicuramente Italiana, eppure è così famosa nel mondo, proprio tutti sono convinti che sia un piatto Italiano.

Altri piatti non Italiani spacciati per tali

Fettuccine Alfredo: Sicuramente le fettuccine Alfredo non esistono in Italia, ma credeteci che sono famosissime in tutto il mondo. Non immaginate quanti turisti si siedono a tavola e ordinano le fettuccine Alfredo.

Italian dressing: Se vi capita di andare a New York compratela, è un condimento per l’insalata, fatto con acqua, succo di limone, olio vegetale, e un mix di erbe, quali finocchio, aneto, origano e sale. Anche questa salsa non è Italiana, diversa dal nostro olio sale e aceto.

Ne volete conoscere altri?

La salsa Fra Diavolo: è una salsa di pomodoro piccante con peperoncino, aglio, prezzemolo e basilico, usata per condire la pasta oppure i frutti di mare. Non che non sia buona, ma di certo non esiste in Italia.

Spaghetti bolognese: Provate a chiedere ad un bolognese, vi riderà in faccia, magari sì alle tagliatelle bolognese, ma di certo no spaghetti.

Ce ne sono altri? Questa cosa è divertente

La Parmigiana di pollo: sì, avete letto bene, niente melanzane, al suo posto una cotoletta di pollo, davvero divertente.

La Carbonara: pensate che anche qui in Italia questo piatto è sempre soggetto di accese discussioni, figuriamoci trovarselo servito con la panna. Niente, provate voi a spiegargli di non mettere panna sulla carbonara.

Basta così, ma non dimentichiamoci del bonus

Il cappuccino a fine pranzo: non esiste una cosa meno Italiana di questa.

Termino questa simpatica lista ricordandovi che nella nostra scuola di pizzaioli settimanalmente organizziamo corsi professionali per diventare pizzaioli. Troverete tutte le informazioni qui.

A presto

Silvio Cicchi

 

Visita il mio canale You Tube, iscriviti

 

Come Riutilizzare il Pane Raffermo e Vecchio in Cucina

Come Riutilizzare il Pane Raffermo e Vecchio in Cucina

Come Riutilizzare il Pane Raffermo e Vecchio in Cucina. Oggi non si butta via più niente, gli avanzi in cucina sono preziosi quindi dobbiamo prestare molta attenzione.

Iniziamo dal pane secco, vecchio di qualche giorno. Può essere impiegato in cucina in molti modi, quindi non buttatelo mai, seguite i nostri utili suggerimenti su come reimpiegarlo nuovamente in altre ricette.

Il pane raffermo è una risorsa preziosa

La Pappa al pomodoro, famosissima ricetta toscana viene preparata con il pane raffermo, pomodori pelati, olio extra vergine di oliva, aglio e basilico. Questa zuppa è ottima sia in estate nella sua versione fredda che in inverno calda come zuppa.

Canederli: Se vi è capitato di andare in vacanza in trentino avrete sicuramente assaggiato i canederli. Deliziose polpette di pane raffermo in brodo, oppure saltate in padella con burro e salvia.

Come Riutilizzare il Pane Raffermo e Vecchio in Cucina

Pangrattato: Le ricette dove si usa il pangrattato sono tantissime. Quando il pane è ben secco potrete grattugiarlo e deporlo in un vaso di vetro con una chiusura ermetica, si conserverà alla perfezione per il prossimo utilizzo.

La panzanella: Ricetta vecchia ma sempre alla moda. Insalata di pomodori con pane raffermo che a contatto con l’acqua rilasciata dai pomodori freschi diventerà come per incanto delizioso.

Pangrattato come risorsa in cucina

Polpette: Per rendere deliziose le vostre polpette di carne, aggiungeteci del pangrattato. Le vostre polpette diventeranno morbidissime.

Crostini per le vostre zuppe: semplicissimi da preparare, tagliate a cubetti il pane vecchio e mettetelo in padella con olio extra vergine di oliva, aglio e rosmarino tritato e portate a doratura, aggiungeteli alla vostra zuppa favorita.

Ultimo suggerimento

Crostini: Piacciono proprio a tutti, adulti e bambini, aggiungete su di una fetta di pane raffermo della mozzarella e degli ingredienti a vostro piacere, qualche minuto in forno e i vostri crostini sono subito pronti.

Prima di salutarvi vi ricordo che la nostra scuola pizzaioli organizza corsi professionali per diventare degli ottimi pizzaioli. Ogni settimana è disponibile un nuovo corso. Troverete tutte le informazioni qui.

Ciao

Silvio Cicchi

Visita il mio canale youtube con centinaia e centinaia di video ricette di pizza.

 

 

Alcuni Modi Alternativi per Usare il Microonde

Alcuni Modi Alternativi per Usare il Microonde

Alcuni Modi Alternativi per Usare il Microonde. Sono davvero in molti a possedere questo elettrodomestico. Oltre che a scaldare alcuni cibi e a scongelare prodotti che provengono dal freezer, il forno a microonde non si usa molto per cucinare.

Oggi voglio parlarvi di come usare il microonde in alcuni modi alternativi così da renderlo utile nella nostra casa.

Gli usi alternativi del microonde

Pulire le vostre spugne del lavandino: Proprio così, mettete la spugna in una ciotola con un poco di acqua e aceto nel microonde per un minuto, questa operazione ucciderà tutti i batteri e riavrete la spugna igienizzata proprio come il giorno che l’avete comprata.

Spremere i limoni: State preparando una spremuta di limoni? Prima di spremerli inseriteli nel vostro forno a microonde per una ventina di secondi. I limoni diventeranno morbidi e sarà molto piu facile spremerli fino all’ultima goccia.

Alcuni Modi Alternativi per Usare il Microonde

Igienizzare i calzini: I tuoi calzini puzzano? Inseriscili nel microonde per alcuni secondi e torneranno come nuovi.

Staccare i francobolli: Trucco molto utile per i collezionisti di francobolli. Inumidite il francobollo con qualche goccia d’acqua e inserite la cartolina nel microonde per dieci secondi, aiutandovi con le pinzette riuscirete a staccarlo facilmente.

Suggerimenti su come usare il forno a microonde

Il miele: Il tuo barattolo di miele è diventato duro e cristallizzato con il tempo? Dopo avere opportunatamente tolto il tappo di metallo, metti il barattolo nel forno per trenta secondi. Mescolalo e diventerà morbido.

Per altri di questi utili suggerimenti, continua a seguire il nostro sito internet, aggiungi la nostra homepage ai tuoi siti preferiti. Qui potrai trovare oltre 300 video ricette di pizza.

Iscriviti al mio canale Youtube

 

Ciao

Silvio Cicchi

 

Le Pizzelle Fritte

Le Pizzelle Fritte

Le Pizzelle Fritte. Sono una specialità di origini Napoletane. Con il tempo sono diventate famose in tutto il mondo anche se da qualche parte sono chiamate con un nome diverso: Montanare.

Sono preparate con l’impasto del pane o della pizza e fritte. Dopo la frittura viene aggiunta salsa di pomodoro al centro e del parmigiano grattugiato per insaporire il tutto.

Una delizia per il palato

Sono perfette per il tavolo da buffet per compleanni, aperitivi e qualsiasi tipo di festa visto che piacciono a tutti, sia adulti che bambini.

Oggi molti bar che preparano gli aperitivi le preparano calde per i propri ospiti.

Le Pizzelle Fritte

Conosci la ricetta delle pizzelle fritte? Ti suggerisco di fare il download della mia ultima raccolta di ricette che si chiama: Non Solo Pizza. Contiene tantissime ricette tra cui le pizzelle, la trovi a questo link.

Appuntamento tra qualche giorno per altre notizie sulla pizza e i suoi derivati.

Ciao

Silvio Cicchi

Visita il mio canale Youtube

 

 

Impasto non Lievita Quali Sono Le Cause

Impasto non Lievita Quali Sono Le Cause

Impasto non Lievita Quali Sono Le Cause. Dal mio sito www.silviocicchi.com ogni giorno mi arrivano decine e decine di email con altrettante domande su diversi argomenti sulla pizza. Suggerisco agli amanti della pizza di salvare il mio sito tra i vostri siti preferiti.

L’estate è ormai giunta al termine, le temperature si sono abbassate di colpo e sapete quale è la domanda più frequente? Aiuto il mio impasto non lievita. Dove sbaglio? Quali sono le cause?

Con il freddo l’impasto non lievita

Da questa parte del monitor del mio pc spesso non è facile individuare le cause. La prima domanda che faccio e: Vi siete ricordati di mettere il lievito nel vostro impasto?

Spesso il problema si risolve già rispondendo a questa domanda. Molti dimenticano di aggiungere lievito all’impasto. Siete sorpresi?

Impasto non Lievita Quali Sono Le Cause

Se state usando lievito madre, allora avrete bisogno di aspettare molto tempo per la lievitazione, il lievito madre è lento, molto lento, lentissimo. La prossima volta usate il classico lievito di birra per panificazione.

Un’altra causa di una non lievitazione potrebbe essere quella che il sale e il lievito sono finiti in diretto contatto tra loro. Saprete già sicuramente che il sale “ammazza” il lievito.

Temperatura di lievitazione

La velocità di lievitazione dell’impasto si controlla tramite la temperatura ambiente e l’umidità. Se lo lasciate lievitare in una stanza fredda, l’impasto potrebbe non lievitare affatto.

Un utilissimo suggerimento: Iscrivetevi ad uno dei nostri corsi pratici professionali che organizziamo settimanalmente nella nostra scuola della pizza. Troverete tutte le informazioni qui.

Saluti

Vi do appuntamento tra qualche giorno per altre notizie utili sul mondo della pizza. Visitate il mio canale YouTube, troverete centinaia di video ricette di pizza (oltre 300), iscrivetevi.

 

Ciao

Silvio Cicchi

La Migliore Frutta da Mangiare Ecco La Lista

La Migliore Frutta da Mangiare Ecco La Lista

La Migliore Frutta da Mangiare Ecco La Lista. Nella nostra dieta, la frutta recita una parte molto importante, direi insostituibile. Ecco la lista di alcuni frutti che dovrebbero essere sempre presenti sulla tua tavola. Scopri quali.

Olive: Ricche di vitamine, minerali e antiossidanti, Vitamina E, ferro, rame, calcio. Riducono il rischio di malattie cardiache.

Quale frutta sulla nostra tavola

Arance: Contengono tantissima vitamina C, potassio, vitamina B. Il consumo di arance apporta un generale benessere a tutto il nostro organismo.

Ananas: Ricchissimo di vitamina C e Manganese, nella sua polpa è contenuta la bromelina che riduce il rischio di cancro.

La Migliore Frutta da Mangiare Ecco La Lista

Pompelmo: Utile per combattere il colesterolo e calcoli renali. Aiuta a sentirsi sazi più a lungo

Mango: Ricco di antiossidanti e antinfiammatori, contiene vitamina C e fibre solubili.

La super frutta da mangiare

Fragole: Il consumo di fragole aiuta a stabilizzare i livelli di zucchero nel sangue. Ricco di nutrienti e antiossidanti.

Avocado: Si dice che sia il migliore amico del nostro cuore. Alto contenuto di grassi sani e potassio.

Altri tipi di frutta

Banane: Ideali per chi fa attività fisica. Controllano la glicemia e ottime per il nostro apparato digerente.

Mele: Antiossidanti e fibre, ottime per la digestione.

Conclusioni sulla frutta

Ciliegie: Ricche di antiossidanti e sostanze nutritive, contengono melatonina che aiuta a regolarizzare il nostro sonno.

More: Ricchissime di vitamine, minerali e antiossidanti. Le more contengono vitamina C, K, manganese.

Saluti

Prima di salutarvi volevo ricordarvi che nella nostra scuola di pizzaioli organizziamo settimanalmente dei corsi pratici professionali per diventare pizzaiolo. Per maggiori informazioni segui questo link.

Ciao

Silvio Cicchi

 

 

Olio di Oliva Utilizzarlo in Modo Alternativo

Olio di Oliva Utilizzarlo in Modo Alternativo

Olio di Oliva Utilizzarlo in Modo Alternativo. Contro le zanzare: Se siete soliti raccogliere l’acqua piovana in un bidone, aggiungetevi qualche goccia d’olio. Questo impedirà alle larve delle zanzare di entrare nell’acqua per poi riprodursi.

Contro i colpi di sole: mettete un piccolo contenitore di olio in frigorifero e aiutandovi con un batuffolo di cotone spalmate sopra le zone colpite dell’olio di oliva, questo calmerà le ustioni.

Usate l’olio di oliva come non avete mai fatto in precedenza

Dolore all’orecchio: Se avete qualche fastidiosa otite, scaldate dell’olio e versatene qualche goccia nell’orecchio. Questo calmerà il dolore.

Togliere i residui di vernice dalle mani: con un batuffolo di cotone imbevuto di olio, strofinate sulle macchie di vernice. Vedrete che magicamente verranno rimosse. Le vostre mani rimarranno idratate.

Olio di Oliva Utilizzarlo in Modo Alternativo

Etichette adesive: basterà passare un poco di olio sulla superfice di una vecchia etichetta per poi rimuoverla facilmente.

Problemi di labbra secche o screpolate? Usate il miracoloso olio di oliva per reidratarle.

Le vostre scarpe sempre lucide come nuove? Con un panno in microfibra con qualche goccia d’olio strofinate le vostre scarpe. Magicamente torneranno come quando le avete acquistate.

Ancora Utili suggerimenti

Crema da Barba: Avete esaurito la vostra scorta di crema da barba? Nessun problema. Passate sul viso qualche goccia di olio di oliva, eviterete tagli e allo stesso tempo reidraterete la vostra pelle.

Conclusioni

Non solo sulla pizza, vi sono piaciuti i miei suggerimenti su come usare l’olio di oliva in modo alternativo? A proposito di pizza, se siete dei veri amanti della nostra pizza, vi consiglio di iscrivervi ad uno dei miei corsi pratici professionali per diventare un pizzaiolo professionista. Troverai tutte le informazioni a questo link.

Vi ricordo che sul mio canale youtube sono disponibili oltre 300 video ricette di pizza. Iscriviti.

 

A presto

Silvio Cicchi

 

 

Olive in Salamoia Come Prepararle

Olive in Salamoia Come Prepararle

Olive in Salamoia Come Prepararle. Dio solo sa quante olive si consumano in pizzeria come topping sulle pizze, e nei bar? Non c’è aperitivo senza una ciotola di olive in salamoia, verdi o nere che esse siano.

La preparazione delle olive in salamoia non richiede alcuna difficoltà, avremo bisogno di olive verdi, acqua, sale e alcuni barattoli a chiusura ermetica.

La ricetta delle olive in salamoia

Si preparano in autunno, usate olive appena raccolte, anche se non sono perfettamente mature. Fatelo nel mese di novembre e ricordatevi di cambiare l’acqua ogni giorno.

La ricetta prevede: un chilo di olive verdi, un litro di acqua,80 grammi di sale, qualche rametto di finocchietto selvatico, foglie di alloro e qualche spicchio d’aglio.

La Preparazione delle olive in salamoia

Dopo avere raccolto le olive, mettetele in un secchio coperte da acqua e cambiate l’acqua ogni giorno per venti giorni. Questo processo farà perdere tutto l’amaro delle olive.

Al termine dei venti giorni preparate la salamoia facendo sciogliere il sale nell’acqua tiepida, al termine del processo lasciatela raffreddare.

Siamo giunti al termine della preparazione

Scolate bene e lavate le olive e ponetele nei vasetti di vetro con gli spicchi di aglio e le foglie di alloro e finocchietto selvatico. Ora versateci sopra la salamoia preparata in precedenza.

Prima di consumarle meglio aspettare 4/5 mesi per una completa maturazione delle olive. Possono durare anni in dispensa se rimangono sempre coperte dalla salamoia, anche se il barattolo è stato aperto in precedenza.

Conclusioni

Tutte queste interessanti notizie potrete scoprirle iscrivendovi ad uno dei nostri corsi pratici professionali che organizziamo settimanalmente nella nostra scuola della pizza. Sono disponibili tutte le informazioni qui.

Ciao, a presto

Silvio Cicchi

 

 

Cipolle in Agrodolce Come Prepararle

Cipolle in Agrodolce Come Prepararle

Cipolle in Agrodolce Come Prepararle. Oggi parliamo di un piatto sfiziosissimo, molto usato in pizzeria per la farcitura di pizze, ma anche come contorno o addirittura come aperitivo o antipasto.

È inoltre un contorno perfetto per accompagnare piatti di carne o di pesce, fantastico anche per farcire gli hamburger.

Agrodolce per la farcitura di pizze

Il gusto agrodolce rende questo ingrediente molto appetitoso, quindi adatto anche per unire ingredienti molto diversi tra loro.

La preparazione delle cipolle in agrodolce è veloce, necessitano di pochi minuti. Potete usare la cipolla rossa di Tropea, ma anche il cipollotto fresco non è niente male.

Cipolle in Agrodolce Come Prepararle

Prepariamo gli ingredienti: Cipolle, aceto di vino rosso, zucchero, olio e sale. Qualcuno aggiunge a piacere due chiodi di garofano.

Tagliate le cipolle e fatele rosolare nell’olio extra vergine di oliva, lasciatele caramellare aggiungendo lo zucchero, sfumate nell’aceto di vino rosso e lasciate sul fuoco lento fino a cottura ultimata.

Altri suggerimenti utili

Se vi piacciono le cipolle in agrodolce, preparate allo stesso modo dei peperoni in agrodolce, oppure perché no la zucca in agrodolce. Sono tutti degli ingredienti fantastici per la preparazione di sfiziose pizze.

A proposito di pizza, se desiderate diventare dei pizzaioli professionisti, iscrivetevi ad uno dei nostri corsi pratici professionali che organizziamo settimanalmente nella nostra scuola di pizzaioli. Troverete tutte le informazioni a questo link.

Saluti

Appuntamento tra qualche giorno per altre utili informazioni sul mondo della pizza.

Ciao

Silvio Cicchi

 

 

 

La Frittata di Spaghetti

La Frittata di Spaghetti

La Frittata di Spaghetti. La frittata di pasta è un classico della tradizione Italiana, qualcuno la associa alla cucina napoletana, ma posso assicurarvi che appartiene a tutte le culture Italiane, dal Trentino alla Sicilia.

Si preparava con gli avanzi del giorno prima, non di quello che è in frigorifero, visto che la storia della frittata con la pasta risale precedentemente all’invenzione del frigorifero.

La storia della frittata di pasta

In realtà può essere preparata con qualsiasi tipo di pasta, non solo spaghetti, ma anche pasta corta. La pasta riscaldata a mo’ di frittata, può essere bianca senza sugo oppure rossa con sugo.

Piatto molto economico, lo trovate anche in qualche pizzeria tradizionale. Con il passare del tempo la frittata di maccheroni è tornata di grande utilità per le gite fuori porta, visto che si può mangiare sia fredda che calda.

La Frittata di Spaghetti

Quando ero bambino ricordo che mia madre la preparava spesso per le gite al mare. Ricordo che si poteva mangiare solo dopo avere fatto il bagno.

Prima di passare ai saluti, vi ricordo che nella nostra scuola di pizzaioli, ogni settimana sono in programma dei fantastici corsi pratici professionali per diventare pizzaiolo. Sono disponibili tutte le informazioni qui.

Passiamo ai saluti prima di fare una frittata

Avete già fatto il download della mia ultima raccolta di ricette che si chiama: Non solo pizza? Seguite questo link per farla vostra.

Iscrivetevi al mio canale you tube, troverete disponibili oltre 300 ricette di pizza, cliccate il link sottostante.

 

Ciao

Silvio Cicchi

 

Executive pizza chef