Quale farina usare per pizza, dolci e pasta preparati in casa?

Quale farina usare per pizza, dolci e pasta preparati in casa?

Foto di diversi tipi di farina per indicare quale farina usare per pizza dolci e pasta preparati in casa
Quale farina usare per pizza dolci e pasta preparati in casa?

Durante la preparazione delle nostre ricette ci capita molto spesso di chiederci quale farina usare per preparare pizza dolci e pasta in casa. Cucinare in casa, è tornato di moda grazie alla crisi economica! Parte del merito va anche ai numerosissimi programmi televisivi di cucina e ai libri culinari in commercio.

Quale farina usare per pizza, dolci e pasta preparati in casa?

Come tutti noi già sappiamo, l’impasto della pizza può essere morbido, soffice, friabile o spugnoso: queste caratteristiche variano essenzialmente a seconda del tipo di farina utilizzata o, per meglio dire, dalla miscela di farine.
Le pizze, le focacce, e le specialità da forno in genere, possono apparire in maniera diversa proprio in funzione della farina scelta per la lavorazione. Infatti, oltre all’acqua, all’olio, al sale ed al lievito che usiamo per l’impasto, la farina è di fatto un ingrediente protagonista nella preparazione della pizza.
Da non sottovalutare che anche la lievitazione, l’ambiente, la temperatura del forno e il tipo di cottura sono elementi che incidono pesantemente sulla riuscita del prodotto finale.

Farine di tipo 00, 0, 1 e 2

Come tutti noi sappiamo, dalla macinazione del frumento duro si ottiene la semola ed il semolato; invece, quando maciniamo il grano tenero, abbiamo come prodotto finale una farina bianca, particolarmente adatta per la preparazione del pane e dolci. La farina bianca si differenzia in base al grado di abburattamento che è il processo di lavorazione consistente nella separazione della farina dalla crusca.

  • Farina bianca di tipo 00: grado di abburattamento pari a 50% (ideale per pastelle e dolci)
  • Farina bianca di tipo 0: grado di abburattamento pari al 72% che ci da un prodotto ottimo per pane, pizza, focacce e tanti altri prodotti lievitati.
  • Farina di tipo 1: grado di abburattamento pari all’80%
  • Farina di tipo 2: grado di abburattamento pari all’85%
  • Fior di farina: che è una polvere finissima di frumento, che si ricava dalla parte più interna e morbida del chicco. Farina che è usata nella produzione dolciaria, qualitativamente superiore in termini di glutine.
  • Farina integrale: dopo la sua macinazione, questa farina non subisce ulteriori processi di raffinazione. E’ essa stessa una ottima alternativa alla farina 0, nella preparazione di impasti rustici, ma ha anche proprietà di saziare e regolarizzare il nostro intestino, grazie alla grande quantità di fibre contenute in essa.

La scelta della farina.

Tutta questa introduzione penso sia indispensabile per avere un idea generale sui vari itpi di farina in commercio. Generalmente l’impasto che prepariamo per la pizza, è costituito da diverse miscele di farine di tipo 0 e 00 alla quale va aggiunta l’acqua, il sale, il lievito ed eventuali grassi o olio. Per tutti quelli che vogliono ottenere un prodotto rustico, consigliamo di aggiungere una parte di farina integrale, facendo molta attenzione ai tempi di lievitazione, che per le farine integrali risultano essere molto più lunghi rispetto agli impasti con farine bianche.

La nostra pizza risulterà di qualità superiore quando andremo ad utilizzare delle farine ricavate da prodotti biologici, che non sono state trattate con pesticidi o altre sostanze chimiche. Questa considerazione è valida anche per tutti gli altri alimenti che usiamo comunemente nelle nostre case o nei luoghi di lavoro.

Riassunto:
Farina per pizza Ingrediente per la realizzazione di pizze, a seconda della farina utilizzata si otterrà un impasto morbido, soffice, friabile o spugnoso
Tipologie di farine Tipo di farina
Farina bianca di tipo 00
Farina bianca di tipo 0 (ideale per pizze)
Farina di tipo 1
Farina di tipo 2
Fior di farina: (ideale per dolci da pasticceria)
Farina integrale (regolarizza l’intestino e sazia)
Grado di abburattamento
50%
72%
80%
85%
La scelta della farina per la pizza Non esiste un’unica tipologia di farina per la preparazione delle pizze. Esistono miscele caratterizzate da:

  • Farina di tipo 0 e 00: impasto morbido e soffice
  • Farina di tipo 0 e farina integrale: impasto più corposo, aromatico. → attenzione: tempi di lievitazione più lunghi
  • Farina di frumento e semola: impasto meno gonfio
  • Farina di frumento e farina di farro
  • Farina di frumento e farina d’avena
  • Farina di frumento e farina di mandorle: impasto dolciastro
  • Farina di frumento e spezie: impasto dolciastro e più energetico
Farine per pizza e celiachia Divieto assoluto di consumare pizze impastate con farina di frumento (per i celiaci). Possibili miscele con farine certificate gluten-free
Foto di differenti tipi di farina.Quale farina usare per la pizza?
Quale farina usare per la pizza?

Per informazioni sui valori nutrizionali della farina, consultate wikipedia alla pagina:http://it.wikipedia.org/wiki/Farina

Quale farina usare per pizza, dolci e pasta preparati in casa? Overall rating: ★★★★★ 4.8 based on 16 reviews
5 1
Rate & review

Gli amici: Il patrimonio più grande che io possieda. Trovato questo articolo interessante? Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o semplicemente premi “G+” per suggerire questo risultato nelle ricerche in Google. Diffondere contenuti che trovi rilevanti aiuta questo blog a crescere. Grazie!